lunedì, novembre 19

BROLO – FESTA SPECIALE NEL CLUB JUVENTUS “GIGI BUFFON”

BROLO – FESTA SPECIALE NEL CLUB JUVENTUS “GIGI BUFFON”

PIPPO CONDIPODERO

      

Brolo – E’ stata festa grande nei giorni scorsi al Club Juventus “Gigi Buffon” di via Libertà. Ospite d’onore il fuoriclasse Totò Schillaci che ha trascorso con i fan bianconeri splendidi momenti vissuti tra ricordi e forti emozioni. Totò Schillaci, attaccante di grande intuito della nazionale di calcio, voluto da mister Vicini, ha fatto vivere notti magiche agli italiani durante i mondiali anni 90 con i suoi spettacolari 6 gol messi a segno, laureandosi capocannoniere. Il goleador, ha raccontato come ha avuto inizio la sua fantastica carriera nel mondo del calcio: “Tanti sacrifici, impegno e forte volontà mi hanno dato la possibilità di poter giocare con grandissimi campioni come Roberto Baggio, avversari dal calibro di Gullit, Van Basten e Maradona. Quello, però, era un altro calcio, avevi meno spazi, non riuscivi a realizzare tanti gol a stagione.

    

 

Il difensore ti marcava a uomo e tante altre curiosità ed eventi legati alla storia bianconera” Il campione, la sera, è rimasto a cena con gli oltre 150 fan bianconeri nel noto ristorante “Villa Ginevra”, dove è stato accolto con l’inno della grande Juve e tanti, tanti applausi. Sono stati veri momenti di amarcord. Foto, autografi, curiosità, tanta musica, canzoni,ottimo cibo, annaffiato da buon vino, sono stati gli ingredienti che hanno reso l’incontro super speciale.

    

 

Sono stati momenti pulsanti del pallone nella sua forma più pura che ha visto centinaia di tifosi e sostenitori arrivati anche dai paesi viciniori, tutti assieme, vivere le grandi imprese della squadra più blasonata d’Italia. Tutto ciò è stato ideato e voluto dalla dirigenza juventina brolese, composta dal presidente Giuseppe Siracusano (alias Majer), dall’instancabile vicepresidente Salvatore Giardina, il tesoriere Franco Zaccaria, dai consiglieri: Gianluca Sinagra, Francesco Domianello, Tonino Gatto, Enzo Raffaele, Domenico di Luca, Giovanni Vitale, che hanno iniziato ad attuare la programmazione tracciata all’inizio dell’anno sociale.